E l’aria di casa si riempie di agrodolce

Ora non staro’ qui a dilungarmi sull’origine storica del nome di questo piatto siciliano (ma ho scoperto che c’é anche una caponata napoletana…). E’ qualcosa di profondamente mediterraneo con i profumi intensi di pomodori maturi, melanzane e basilico, e l’agrodolce che ci lega all’altra sponda del mare… E questa sarà forse una versione in più delle 37 o più diverse ricette che esistono di questo piatto siciliano.

La preparazione vi riconcilierà con la manualità della cucina: un bel esercizio zen di mondare, tagliare, spellare e cuocere gli ingredienti ognuno con i loro tempi. E separatamente! Please, non stufate tutto insieme in una grossa ratatouille all’italiana.

  • 4 melanzane
  • 2 cuori di sedano
  • 2 cipolle grosse
  • 4 pomodori maturi
  • 100 g olive snocciolate
  • 50 g di pinoli
  • 50 g di capperi
  • 1 cucchiaio raso di zucchero
  • 2 cucchiai abbondanti di aceto
  • olio di oliva
  • sale q.b.

Lavare le verdure e tagliate le melanzane a cubettoni regolari. Metterle in un colapasta con del sale e con dei pesi sopra per far spurgare l’acqua. Anche solo un’ora basterà.

Friggere ora le melanzane fino a renderle belle dorate, per poi lasciar asciugare l’eccesso di olio su carta assorbente. Si sa, le melanzane sono delle spugne con i grassi. Ora i più integralisti tra noi possono benissimo saltare un paio di righe di questo post, ma io cuocio le melanzane in una pentola antiaderente: in questo modo necessitano di molto meno olio. Il sapore non sarà forse esattamente lo stesso (eh, no: potrò’ assaporare molto di più i pomodori e il sedano, per esempio! senza contare che non ti prende una crisi di sonno dopo mangiato a causa dell’impegno digestivo)

Spelare i pomodori (30 secondi nell’acqua bollente), privarli dei semi e tagliarli e cubettoni. Tagliare il sedano e le cipolle a rondelle. Scaldare un po’ di olio, soffriggere le cipolle e dopodiché’ aggiungere il sedano e lasciar cuocere per 3-4 minuti. Aggiungere i pomodori, le olive e i capperi dissalati. Rosolare il tutto e appena (e sottolineo appena: bastano pochi minuti, dipende da quanto acquosi sono i pomodori) i pomodori saranno cotti, abbassare il fuoco, unire le melanzane, versate l’aceto, lo zucchero, mescolare e continuare a fuoco basso fino a quando l’aceto sarà evaporato (di nuovo, non più di 2-3 minuti).

Non ho parlato di salare o pepare la preparazione: il mio consiglio e’ di assaggiare dopo aver aggiunto capperi, olive e melanzane. Questi tre ingredienti rischiano di essere abbastanza salati e fornire abbastanza aroma al tutto.

Per finire, tostare i pinoli su una superficie antiaderente, unire alla preparazione e lasciare riposare per almeno una giornata.

Si serve a temperatura ambiente dopo aver aggiunto il basilico tagliato a listarelle.

m

~ by michelaandgavin on May 30, 2008.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

 
%d bloggers like this: